Il Progetto

Il progetto punta a valorizzare l’economia e il turismo dell’area Pedemontana e dell’Alto Friuli grazie alle molte discipline sportive praticabili nel territorio da un numero sempre più alto di appassionati.

L’Amministrazione Comunale di Gemona del Friuli, facendo leva sulla preziosa presenza in loco del Corso di Laurea triennale in Scienze Motorie e Magistrale in Scienza dello Sport dell’Università degli Studi di Udine, unici corsi universitari a carattere sportivo presenti in Regione, si è resa promotrice del progetto “Gemona città dello sport e del benstare”: un progetto organico che ha trovato il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, dell’Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli, della Provincia di Udine, delle Comunità Montane del Gemonese Canal del Ferro-Val Canale e della Carnia, ed ha visto l’adesione di 17 Comuni che vanno dalla pedemontana friulana a quelli della conca tolmezzina. Un’iniziativa su cui le Amministrazioni comunali lavorano ormai da tempo assieme al Project Manager dott. Enzo Cainero, e su cui puntano per un rilancio economico e turistico dell’intero territorio.

Si tratta di un’offerta ampia e diversificata che va dal tiro con l’arco alla mountain bike ed all’orienteering sull’altopiano di Monte Prat e non solo: la scherma e l’ippica a San Daniele, gli sport remieri e la vela sul Lago dei Tre Comuni, il tiro a segno nel poligono di Tolmezzo, l’arrampicata sportiva nelle palestre di Gemona, Osoppo, Villa Santina, Raveo, Verzegnis, Trasaghis, Cavazzo Carnico, l’atletica sulle piste di Majano, Tolmezzo e Gemona, il volo libero sui cieli di Artegna, Montenars, Bordano, Trasaghis e Gemona e l’Alto Friuli.

Il Progetto ha trovato il sostegno anche di alcuni importanti sponsor quali Fantoni S.p.A., Gruppo Pittini, Confindustria di Udine, Iob Silvano e la Cassa di Risparmio del FVG.

 
facebook